Dimensione del font: + -

Perché la rete è migliore degli splitter HDMI e della matrice per pareti video

Il mercato dei video wall è vario, con molte soluzioni, ognuna delle quali ha i suoi vantaggi e, naturalmente, i suoi limiti.

I nostri post sul blog si sforzano sempre di fornire quante più informazioni possibili per aiutarvi a prendere la decisione giusta e consapevole quando si tratta di scegliere la soluzione video wall appropriata per il vostro progetto.

Nel blog di questa settimana vogliamo concentrarci sui due principali metodi di distribuzione del contenuto ai tuoi display: 1) matrici e splitter HDMI; e 2) Sistemi basati su rete (AV-over-IP).

Splitter e matrici video HDMI

Il commutatore Matrix e lo splitter per video wall sono entrambi in circolazione da molto tempo.

Questi due potrebbero essere considerati i grandi padri delle soluzioni di videowall, sebbene siano ancora di uso comune.

Sono probabilmente il modo più semplice per installare un video wall.

Lo svantaggio principale di questo approccio è che nella loro semplicità sia gli splitter che i matrici sono in effetti piuttosto limitati in ciò che possono ottenere.

Diamo un'occhiata a entrambi in dettaglio.

Gli splitter video wall HDMI prendono una fonte di input e la distribuiscono su più uscite.

Vengono come un pezzo di hardware, preconfigurati e pretestati, e di solito sono plug-and-play.

Nel caso di un videowall, un'uscita si collega a ciascun display e il dispositivo divide l'immagine e invia l'output corrispondente a ogni schermo.

In termini di input, uno splitter è limitato a un solo connettore HDMI, che limita le opzioni di contenuto (è possibile collegare un lettore multimediale o un PC per gestire i contenuti, ma ciò significa aggiungere più dispositivi all'equazione, il che aumenta i costi e complessità).

Per risolvere il problema con più ingressi alcune persone si rivolgono a una matrice.

Questi sono fondamentalmente splitter che possono assumere più sorgenti di input contemporaneamente e distribuirle su più display.

Le matrici sono ancora dispositivi hardware proprietari.

Di conseguenza sono limitati nel numero di input e output supportati; se si desidera aumentare il numero di output, è necessario collegare a margherita più dispositivi (in genere fino alle uscite 32-64 totali).

Inconvenienti di splitter e matrici HDMI

Le limitazioni di input / output sulle soluzioni Matrix Switcher o Video Wall Splitter limitano significativamente il tipo di implementazioni per le quali potrebbero essere utilizzate.

L'altro inconveniente chiave delle soluzioni di matrice matrici video e splitter è che sono limitati nelle loro opzioni di gestione e configurazione.

Sono davvero solo sistemi di relay che collegano gli schermi a una fonte.

La maggior parte degli splitter HDMI supporta solo le pareti video della griglia, con tutti i display che hanno la stessa orientazione, orizzontale o verticale, e con un 16: 9 (che significa che i muri video devono avere lo stesso numero di colonne e righe).

La maggior parte delle matrici e degli splitter non dispongono di funzionalità avanzate come l'allineamento e la calibrazione del display e nessuna supporta le funzionalità interattive.

I video wall sono un grande investimento.

Acquistare una matrice o uno splitter ti darà una soluzione senza ossa, senza i campanelli e i fischietti che danno la flessibilità, la scalabilità e il set di funzionalità che i clienti si aspettano oggi in un videowall.

Le matrici e gli splitter video wall sono principalmente utilizzati per le applicazioni di digital signage, dove i clienti mostrano un singolo video e non lo cambiano (e se hanno bisogno di cambiarlo, dovrebbero essere manualmente o utilizzando un dispositivo / applicazione aggiuntivo per fare la commutazione).

Basato sulla rete (AV-over-IP)

Negli ultimi anni, le pareti video basate sulla rete hanno rivoluzionato l'industria delle videowall, grazie alla loro flessibilità, potenza e semplicità.

Ma come funziona?

Invece dell'utilizzo di hardware proprietario "black box", l'approccio AV-over-IP sfrutta l'utilizzo dell'architettura standard per PC e LAN (Local Area Network).

Come va meglio la rete?

Nel caso del video wall Userful, il software si installa sul PC, trasformandolo in un'appliance gestita dal browser con tutte le funzionalità di cui potrebbe necessitare l'installazione di un video wall.

Il PC non solo divide il contenuto e lo distribuisce ai display video wall, ma funge anche da lettore multimediale - acquisendo e gestendo più contenuti sorgente - dando agli utenti un maggiore controllo e potenza sui propri video wall.

Il vantaggio di utilizzare un PC standard, non specializzato, off-the-shelf è che rende il sistema più conveniente, facilita l'installazione e l'addestramento e garantisce un supporto e una manutenzione costanti più semplici.

Si noti che mentre gli splitter e gli switch HDMI hanno un numero limitato di ingressi e uscite, i sistemi basati su rete (come ad es Controller da parete video di Userful) sono limitati dalla potenza del PC o del server (che al giorno d'oggi può essere davvero potente) e dalla larghezza di banda della rete (cioè un singolo PC Intel Core i7 può alimentare gli schermi 100 attraverso una rete 10-gig).

La limitazione della distanza non è più un problema significativo, dal momento che i cavi Ethernet Cat6 possono eseguire ~ 330ft (più di 6 volte la lunghezza dei cavi HDMI) senza perdere una qualità significativa.

L'approccio basato sulla rete consente ai clienti di installare il PC in una postazione remota (ad esempio una stanza del server o un armadio) lontano dal sito della parete video.

Nel caso di Userful, un piccolo ricevitore zero client, che in pratica è una scheda video indirizzabile in rete, è collegato sul retro di ciascun display per ricevere il contenuto via ethernet, trasmettendolo al display tramite HDMI.

Questi non hanno CPU o parti mobili (che garantiscono una lunga durata di anni 8-10) e non pongono limiti alla risoluzione del contenuto che il sistema può supportare (ad esempio 4k, 6k e anche 8k).

Quando si tratta di controllo e gestione delle pareti video, poiché la soluzione è basata su PC, include software che offre un'ampia gamma di configurazioni, nonché gestione dei contenuti e caratteristiche di interattività.

Ad esempio, gli utenti possono creare qualsiasi layout di parete video immaginabile (griglia tradizionale o artistica).

Gli utenti possono inoltre sfruttare la flessibilità del layout utilizzando zone, multi finestra o immagine nell'immagine per visualizzare più sorgenti di contenuti contemporaneamente (al contrario degli splitter HDMI che possono gestire solo una singola sorgente di input alla volta).

Ogni implementazione di un videowall è diversa e, a seconda delle esigenze, un approccio potrebbe adattarsi meglio, tuttavia, come abbiamo visto sopra, l'approccio basato su PC e rete è più flessibile, rendendolo più adatto a una più ampia gamma di casi d'uso, sia che sia segnaletica digitale, sale di controllo, pareti video artistiche, ecc. e, anche se si potrebbe pensare che sarebbe più costoso, risulta essere più economico.

Se vuoi sapere esattamente quanto è conveniente, visita La pagina dei prezzi di Userful per prezzi esatti.

Video Wall News | Novembre 2017
Userful aggiunge Picture-in-Picture al suo video wall ...

Post correlati

Il commento per questo post è stato bloccato dall'amministratore.
 

Commenti

Accettando accederai a un servizio fornito da una terza parte esterna a https://userful.com/